L’ultimo scorcio d’Agosto ci consegna una immagine del maggiore partito politico nel contesto nazionale, difficile, per usare un eufemismo. Le sue ultime vicende ruotano attorno a qualcosa di magmatico ed, al tempo stesso, inquietante. Andiamo con ordine: da un lato si permette, per l’ennesima volta una sostanziale impunità ad un parlamentare di area governativa, il Sen. Azzollini -NCD-. Evitiamo di ricadere nell’ennesima polemica tra garantisti e giustizialisti. Non è questo il punto. L’attuale Parlamento, ancorchè di nominati, avrebbe, da tempo, dovuto legiferare in materia di autorizzazioni a procedere, a nostro avviso nel senso di togliere questa potestà all’assemblea legislativa lasciando che la Magistratura compia il suo corso. Evidentemente, non siamo in grado di assumere questa regola come fondante ed indiscutibile del nostro ordinamento. Quando ciò avverra’ sarà, riteniamo, sempre troppo tardi rispetto ad una dimensione civile e moderna.

Per altro versante il Partito Democratico si segnala per una improvvida ed oltremodo negativa presenza ai vertici di due istituzioni di fondamentale importanza nel contesto nazionale: l’Assemblea Regionale Siciliana e Roma Capitale. Nel primo caso risulta ormai evidente l’inadeguatezza del suo Presidente, il quale dopo aver cambiato, in un relativo arco di tempo, i suoi Assessori così come si rinnova un capo d’abbigliamento, rivendica la propria autonomia eludendo la condizione di rappresentare una  area geografica facente parte del territorio italiano, almeno ad oggi. Oseremmo pensare che la parola debba tornare agli elettori.

Non molto lontana da questa conclusione nonostante la diversa oggettivita’ derivata dall’impatto internazionale e dalla necessaria programmazione dei grandi prossimi eventi,è la condizione del Partito Democratico di Roma. In questo caso si è toccato il fondo piu’ assoluto. Nonostante la promessa di interventi riparatori abbiamo ancora una volta sperimentato come una certa idea di politica possa coincidere esclusivamente con la voce verbale arraffare e che null’altro abbia valore se non il personale accumulo di denaro. C’è, ed esiste, tuttavia, una Italia diversa che, nauseata da tutto questo, chiede, invece, e semplicemente prima di tutto onestà e correttezza.

ANDREA G. STORTI

www.democraziaedeuropa.it