La Grecia si accompagnerà al destino dell’Europa? L’interrogativo rimane dopo la pena infinita che ha caratterizzato la vicenda ellenica nell’ultimo scorcio d’estate. Lo si afferma andando con le immagini ed il pensiero alla desolante figura delle nostre istituzioni continentali incapaci  di assumere una posizione diversa dal rigore economico fine a se stesso e temporaneamente chiusa con un nuovo prestito ingente, senza aver messo sostanzialmente mano alla ristrutturazione complessiva del debito maturato dalla Grecia nei confronti dell’Unione Europea. Questione invece, ancora oggi, a nostro avviso dirimente ed ineluttabile. Ricordiamo che Grecia è esposta nei confronti dell’Unione per 313 miliardi di euro.

L’intera vicenda dovrebbe, tuttavia, averci insegnato che non esiste soltanto il destino monetario dei popoli e che il sostantivo solidarietà conosce diverse possibili declinazioni.   

Nel contesto si registrano, peraltro, anche segnali positivi. Alcuni dei principali indicatori macroeconomici greci hanno mostrato di poter invertire la tendenza assolutamente negativa sino a poco tempo fa registrata.

Sia pure permanendo una indisponibilità finanziaria di fondo da parte dei cittadini ellenici, si è probabilmente acquisita la definitiva consapevolezza che uno sfrenato ed individualistico possesso di denaro, mai versato, di fatto, in alcuna forma di partecipazione alle spese dello Stato alla distanza non porta da nessuna parte.

Ecco, dunque, due questioni apparentemente inconciliabili di carattere economico l’una; di impronta sociologica e sociale l’altra. Occorrerà saper ricercare strenuamente un punto di equilibrio, condizione essenziale per tornare a guardare con fiducia a nuovi traguardi che consentano di farci sentire definitivamente europei.

ANDREA G. STORTI

www.democraziaedeuropa.it