Il percorso del “Ddl Cirinnà” si fa accidentato. Torniamo sul tema delle unioni civili, in discussione al Senato, per prendere atto di due situazioni politiche che potrebbero rivelarsi incontrovertibili e che riguardano le principali compagini presenti, oggi, in Italia. Focalizziamo, cioè, il nostro interesse su posizioni che analizzeremo cronologicamente.  Senato della Repubblica

La prima, del M5S  che, dopo avere assicurato da tempo un sostegno al provvedimento di Legge in questione, non accettando forzature in termini di iter parlamentare, ha espresso, di fatto, una contrarietà inattesa. Intuito uno spiraglio attraverso il quale si coglieva il Partito Democratico in difficoltà il M5S non ha esitato a modificare la propria posizione. Intervento, anche nella proposizione all’emiciclo del Sen. Airola,  legittimo ma politicamente immaturo; non si getta, infatti, alle ortiche la possibilità di contribuire a varare una importante Legge, attesa da decenni dai cittadini, significativamente innovativa ed in linea con le principali democrazie non soltanto europee per sollevare una questione procedurale che non fa più o meno improvvisamente dell’Italia un regime come i pentastellati hanno sostenuto.

Oltre a ciò, si palesa una beffa ulteriore: poichè il Partito Democratico intende ricercare sulla questione delle unioni civili una maggioranza di cui non dispone, tenta ora di riannodare un dialogo all’interno della maggioranza di governo. Guardando, per esempio, in direzione del Nuovo Centro Destra (NCD) al quale dovrà concedere la cancellazione o il rinvio ad altro provvedimento legislativo futuro della questione relativa alla “stepchild adoption”, per la quale i seguaci, pochi, di Angelino Alfano hanno, se la cosa non fosse chiara, appoggiato il “Family Day” di recente memoria.

Questo significa, tuttavia, rendere diverso il Disegno di Legge originario che verosimilmente verrà accettato perchè consente la ricomposizione della frattura tutta interna al Partito Democratico tra la posizione maggioritaria e la componente cattolico democratica.

Rimarranno ad urlare alla luna i soliti noti della improbabile “sinistra interna” (Bersani, Cuperlo, Speranza) con SEL e,nientemeno, che Stefano Fassina e qualche altro instancabile condottiero. Il M5S, se vuole, si accoderà.

Un capolavoro di ingegneria politica!

ANDREA G. STORTI

www.democraziaedeuropa.it