Le vicende della politica internazionale configurano attualmente degli scenari piuttosto alterni ai quali guardare con speranza o sconcerto e preoccupazione. Iniziamo dai primi. Un esponente musulmano del Labour Party, Sadiq Kahn, è sindaco di Londra. Solamente poco tempo fa questa notizia sarebbe stata impensabile. Ciò che è ancora più strabiliante è che il suo competitor incarnava la capitale inglese nella sua perfetta accezione. Eppure ha perso.Il vincitore è, invece, l’emblema della tolleranza a tutti i livelli.

Per contro nella, un tempo civilissima Austria, Norbert Hofer, successore del fortunatamente quasi dimenticato Jorg Heider leader della destra xenofoba, potrebbe divenire il prossimo Presidente della Repubblica ed un’ondata di generica intolleranza percorre lo Stato sino al confine con l’Italia dove si vorrebbe costruire uno sbarramento. L’Unione Europea dovrebbe impedirlo, ammesso che sia in grado poichè proprio quest’ultima è esposta ad ogni vento possibile e procede con andatura molto incerta, tale da mettere in discussione gli accordi di Schengen. Stretto tra un rigore monetaristico non ancora abbandonato, incapace nella gestione politica dei flussi migratori, lontanissimo dal costruire prima di tutto una Europa della solidarietà che pone al centro la persona umana il  vertice del vecchio continente ascolta attonito il messaggio edificante di Papa Francesco ma non dà ad esso alcuna continuità di ascolto.

E la nostra Italia?

Molto più prosaicamente ci attestiamo alla mediocrità di nuovi, decisivi episodi. Questa volta si tratterrà di valutare il concorso in bancarotta fraudolenta a carico di Filippo Nogarin (M5S) sindaco di Livorno, tutto da dimostrare, oppure dell’interrogativo, del tutto nuovo, se i togati possano occuparsi in forma diretta di politica oppure ancora se sia corretto escludere per vizio formale dalla competizione elettorale di Roma Capitale l’imponente figura politica di Stefano Fassina , candidato a Sindaco e primo rappresentante di un partito i cui consensi, sempre nuovi, rispecchieranno valori poco più alti del famigerato prefisso telefonico di bossiana memoria. Per fortuna la nostra credibilità internazionale passa anche attraverso le notevoli capacità di un allenatore di calcio che sul suolo italico pochi avevano considerato. Tanto per cambiare……Austria Norbert Hofer

ANDREA G. STORTI

www.democraziaedeuropa.it